Prima della Scala 2020: 24 grandi voci e Bolle per un evento unico. A porte chiuse e in diretta Tv

Redazione
04 Dicembre 2020
Prima della Scala 2020: 24 grandi voci e Bolle per un evento unico. A porte chiuse e in diretta Tv

I teatri sono chiusi, ma la Scala non rinuncia alla sua Prima.

Annullata causa Covid-19 la Lucia di Lammermoor di Donizetti, il tempio milanese della lirica inaugurerà la stagione il 7 dicembre, come da tradizione. Senza pubblico in sala, ma con milioni di spettatori a casa. Per uno spettacolo unico di musica e danza, con il Direttore Riccardo Chailly, la regia di Davide Livermore e una parata di stelle.

Una Prima unica e mai vista nella storia della Scala. Non la Lucia di Lammermoor di Donizetti, con la regia di Yannis Kokos, annullata causa Covid-19 e chiusura dei teatri. E nemmeno un’opera. Ma tre ore di musica e danza con 24 tra le più grandi voci del nostro tempo. Roberto Bolle e i primi ballerini del corpo di ballo, oltre, naturalmente, all’Orchestra e al Coro con il loro Direttore Riccardo Chailly. Così, il 7 dicembre 2020, festa di Sant’Ambrogio, il Teatro alla Scala di Milano inaugurerà la stagione come da tradizione. A porte chiuse, ma con milioni di spettatori a casa davanti alla tv.

 

Prima della Scala 2020: evento speciale a porte chiuse, in diretta su Rai 1

A riveder le stelle: il titolo dello spettacolo, che sarà trasmesso in diretta su Rai 1 e Radio 3, è ripreso dalle ultime parole dell’Inferno di Dante. Un omaggio per i 700 anni dalla morte del poeta che ricorrono nel 2021, ma anche un messaggio di speranza affidato alla grande arte e ai suoi interpreti più alti .“Entreremo nella fabbrica dei sogni della bellezza”, ha detto Davide Livermore, regista di questo progetto speciale per il Sant’Ambrogio della Scala 2020.

 

Prima della Scala 2020: l’opera da Verdi a Rossini, ma anche danza e attori

Il viaggio musicale si aprirà con Rigoletto di Giuseppe Verdi e si chiuderà con Guglielmo Tell di Gioachino Rossini. 15 titoli in tutto, arie e duetti dai più amati compositori italiani ed europei (come Gaetano Donizetti, Giacomo Puccini, Georges Bizet, Jules Massenet, Richard Wagner), con le scenografie che cambieranno a ogni estratto d’opera.

E poi la danza: tre coreografie – di Nureyev, di Massimiliano Volpini e del parigino Manuel Legris, diventato direttore del Corpo di Ballo della Scala a dicembre 2020 – con musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij, Davide Dileo, Erik Satie e Giuseppe Verdi.

Le arie d’opera e i momenti di danza saranno collegati da una narrazione: le lettere di Verdi, gli scritti di Victor Hugo, ma anche Fragile di Sting, recitati da attori famosi, coinvolti dal regista.

 

Da Domingo a Bolle: i protagonisti della Prima della Scala 2020

Partiamo dal Direttore musicale, Riccardo Chailly, che sarà sul podio, ma rivolto verso la sala. Mentre l ‘Orchestra sarà al centro della platea e il Coro nei palchi. Sul palcoscenico, 24 cantanti internazionali, fra i più famosi al mondo, che hanno accolto l’invito della Scala: da Lisette Oropesa e Juan Diego Flòrez, i protagonisti dell’annullata Lucia di Lammermoor, a Francesco Meli e Luca Salsi, applauditi alla Prima dello scorso anno.

E poi il ritorno di Plácido Domingo, ma anche soprano come Rosa Feola, Eleonora Buratto, Marianne Crebassa. E ancora Ildar Abdrazakov, Roberto Alagna, Carlos Álvarez, Piotr Beczala, Benjamin Bernheim, Elīna Garanča, Vittorio Grigolo, Jonas Kaufmann, Aleksandra Kurzak, Camilla Nylund, Kristine Opolais, George Petean, Marina Rebeka, Andreas Schager, Ludovic Tézier, Sonya Yoncheva.

Per il balletto, ci sarà l’étoile Roberto Bolle. E i primi ballerini Timofej Andrijashenko, Martina Arduino, Claudio Coviello, Nicoletta Manni e Virna Toppi, i solisti Marco Agostino e Nicola Del Freo. L’orchestra sarà diretta diretta dal giovane Direttore Michele Gamba.

 

Prima della Scala 2020: Milano e la Moda

Non ci sarà la Prima diffusa, tradizione che da dieci anni portava l’opera in decine di luoghi della città, dall’Ottagono della Galleria al carcere di San Vittore. Ma Milano sarà protagonista, anche con la moda: saranno alcuni dei più prestigiosi stilisti a vestire gli artisti in palcoscenico.

 

Prima della Scala 2020: dove e quando vederla

L’evento scaligero sarà trasmesso da Rai Cultura su Rai 1, Radio 3 e Raiplay. Dieci le telecamere per una serata presentata da Milly Carlucci con Bruno Vespa. Appuntamento, da non mancare, alle 17. Info: teatroallascala.org.

 

La Scala e la tradizione della Prima del 7 dicembre

Nella storia del teatro milanese, soltanto una volta, durante la Seconda Guerra Mondiale quando i bombardamenti del 1943 colpirono il teatro del Piermarini, fu cancellata la Prima. Quest’anno, Lucia di Lammermoor di Donizetti, titolo scelto per l’apertura della stagione 2020-2021, è stata rinviata a causa dell’emergenza sanitaria.

La tradizione del Sant’Ambrogio scaligero risale al 1951, ed esprime lo stretto legame tra Milano e il suo teatro, ricostruito e riaperto nel 1946, dopo i bombardamenti. Fu il maestro Victor de Sabata a inventare la tradizione di inaugurare la nuova stagione d’opera il 7 dicembre, festa di Sant’Ambrogio, patrono della città.

 

 

(Fonte: Viaggi.Corriere.it)

Iscriviti alla Newsletter di Fiera365

Inserisci nome, cognome e email. Riceverai gli aggiornamenti su tutti gli eventi in programma e sulle news del mondo Sicrea.
Fiera365 - Sicrea srl | eventi, fiere, convegni
© All rights reserved.
Realizzato da dot360.it.
Con il sostegno di
Camera di Commercio di Firenze

SICREA SRL
Progetto co-finanziato dal POR FESR Toscana 2014-2020
Azione 3.1.1. sub-azione 3.1.1a3
"Fondo Investimenti Toscana - Aiuti agli investimenti"

Realtà Aumentata e Beacon: innovare il mercato fieristico con le nuove tecnologie
Nell'ambito del progetto viene sviluppato l'ambiente tecnologico di un nuovo modello di fiera, la "fiera aumentata", che unisce le caratteristiche della fiera tradizionale con le opportunità delle nuove tecnologie.
Tale ambiente è composto da un sito che offre servizi digitali a espositori e visitatori, un'app multifunzione e funzionalità in Realtà Aumentata e Beacon per garantire l'animazione e la sicurezza delle manifestazioni.

PorCreo Regione Toscana Sicrea